armi

Il secondo emendamento USA sul possesso delle armi

Anche questa è risultata essere una delle più popolari trasmissioni del giornalaio: un ironico racconto delle passioni degli italiani per gli smartphone e della fissazione per le armi degli americani che arrivano ad appellarsi al secondo emendamento della loro costituzione.

Il giornalaio immagina l’euforia di una studentessa italiana appassionata dei telefonini e poi  un discorso di un 16enne americano a cui la famiglia regala una pistola per il suo compleanno.

Si è spesso criticato l’atteggiamento del popolo italiano (soprattutto quello più giovane) verso gli smartphone ma il paragone che il giornalaio mette di fronte agli ascoltatori è ben più pesante.

Una puntata sicuramente inedita.  Clicca sul player per ascoltare

Il secondo emendamento della Costituzione USA

Il secondo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d’America garantisce il diritto di possedere armi e affonda le sue radici nelle occupazioni da parte dell’Impero britannico e spagnolo.

Il giornalaio sembra non essere troppo d’accordo con questa filosofia americana e chiude la sua trasmissione con una frase (Meglio in Italia) che ne è anche il titolo.

L’angolo del giornalaio è una trasmissione nata nel 2012, quindi in un periodo successivo al lancio della Radio che avvenne alla fine del 2010.

Numerose sono state le puntate di successo , da Così è se vi pare, a L’Ancièn Ragime fino all’exploit della puntata L’extraterrestre , che raccolse numerosissimi ascolti laddove si parlava del grandissimo calciatore Lionel Messi

Se volete ascoltare l’intera collection de L’angolo del giornalaio potete andare su questo link laddove troverete tutto dalla prima trasmissione fino a quella odierna.

La trasmissione non ha mai avuto una cadenza periodica ben definita, ma viene trasmessa ogni qual volta accade un fatto, un evento o una discussione in un periodo particolare.Generalmente molto breve (non piu’ di 15 minuti massimo di durata) , è proprio per questo che probabilmente ha riscosso successo, in quanto non prevede un lungo ascolto che nelle radio web riteniamo un po’ sconveniente.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’ANGOLO DEL GIORNALAIO